ICT Security Day 2008

ICT Security Day 2008

Si rinnova anche quest’anno l’incontro nazionale ICT Security Day giunto alla sua terza edizione.

Come negli anni passati, il Convegno si terrà a Lanciano (CH) sabato 4 Ottobre 2008 presso
i locali dell’Auditorium “G. Paone” della Banca Popolare di Lanciano e Sulmona con il contributo di numerosi
sponsor (tra cui IBM), relatori di fama nazionale (Teti, D’Amico e altri) e organizzatori (Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo) di tutto rispetto.
L’accesso è GRATUITO ma i posti sono limitati percui occorre iscriversi a questo indirizzo ICTSecurityDay.it.


6 Responses to “ICT Security Day 2008”

  • ICT Security Day 2008 at Paolo Gatti’s web corner Says:

    […] causa pigrizia mattutina, questo articolo l’ho semi-scopiazzato del blog del mio caro collega Heber D’Alberto! Pubblicato da Paolo il 27/09/2008 alle 11:21 in Informatica. Tags: abruzzo, ict security, […]

  • Ugo Zamotti Says:

    Nel pomeriggio si terrà un laboratorio degli EHG2 (Ethical Hacker Guardians Group) il gruppo di esperti della sicurezza ICT noti per le loro interessanti e scenografiche performance dimostrative. Da vedere.

  • MadHD Says:

    @Ugo Zamotti: Ma parli di quelli che l’anno scorso, durante una dimostrazione, si sono fatti “bucare” sotto il naso il telefono che usano per la dimostrazione? 😀

  • Zamotti Ugo Says:

    Penasvo così anch’io, ma nella documentazione che ho scaricato dal sito di ict security day alcuni giorni dopo mi ricordo che avevano spiegato che in realtà il buco era stato predisposto ad arte su una honeypot bluetooth per dimostrare come fosse diffusa e facile tale pratica e per motivi di tempo non avevano potuto completare la dimostrazione infatti avevano anche pubblicato le informazioni e i file presenti sul dispositivo dell’attaccante per mettersi in contatto con lui e scrivere un commento congiunto. Purtroppo anche quest’anno per colpa dei precedenti relatori che hanno sforato sono stati costretti a interrompere la dimostrazione quasi a metà e personalmente penso che senza di loro il seminario (soprattutto quest’anno) sarebbe stato solo un noioso sproloquio .

  • Ugo Zamotti Says:

    Pensavo così anch’io, ma nella documentazione che ho scaricato dal sito di ict security day alcuni giorni dopo mi ricordo che avevano spiegato che in realtà il buco era stato predisposto ad arte su una honeypot bluetooth per dimostrare come fosse diffusa e facile tale pratica e per motivi di tempo non avevano potuto completare la dimostrazione infatti avevano anche pubblicato le informazioni e i file presenti sul dispositivo dell’attaccante per mettersi in contatto con lui e scrivere un commento congiunto. Purtroppo anche quest’anno per colpa dei precedenti relatori che hanno sforato sono stati costretti a interrompere la dimostrazione quasi a metà e personalmente penso che senza di loro il seminario (soprattutto quest’anno) sarebbe stato solo un noioso sproloquio .

  • Ugo Zamotti Says:

    @MadHD: Credevo così anch’io,ma ad onor di cronaca devo dire che poi dopo qualche giorno quando hanno pubblicato la documentazione sull’evento ho letto che in un loro documento che in realtà avevano installato una HoneyPot Bluetooth per dimostrare quanto potesse essere facile da perte di chiunque connettersi ad un apparato bluetooth non protetto. Purtroppo per motivi di tempo non hanno potuto mostrare questa ultima parte del laboratorio. Mi ricordo anche che avevano pubblicato alcuni riferimenti dell’apparato attaccante che era stato intercettato e alcuni file che vi erano contenuti, al solo scopo di contattare l’autore dell’attacco e scrivere un commento congiunto.
    Anche quest’anno ho notato che sono stati interrotti speriamo di vederli per intero la prossima volta almeno fugheremo ogni dubbio !

Leave a Reply